Liceo Scientifico Marie Curie

Il nostro ruolo nel progetto DomoSens

Ciao a tutti!

Ci presentiamo: siamo i ragazzi della classe quarta del liceo scientifico dell’istituto “Marie Curie” di Pergine Valsugana. 

Anche noi, come altri studenti provenienti da differenti scuole del Trentino, abbiamo avuto l’opportunità di far parte della comunità “Domosens”, un progetto innovativo sviluppato in  collaborazione con la Fondazione Bruno Kessler.

La possibilità di entrare nello “staff” di questo progetto ci è stata proposta dalla nostra insegnante di scienze, la prof.ssa Viola, che già da tempo ci aveva parlato in merito all’idea del progetto.

Esso si propone, attraverso un’attiva e coinvolgente collaborazione tra scuole di differenti indirizzi disciplinari, di creare un prodotto per il rilevamento della presenza nell’aria di gas nocivi, quali ad esempio monossido di carbonio o gas metano; noi studenti del “Curie” nell’ambito del progetto saremo i responsabili e redattori del manuale d’uso del sensore che verrà realizzato. 

Tale compito, che ci impegna non solo sotto il profilo scientifico ma anche linguistico (infatti è prevista anche la pubblicazione di una versione del manuale in lingua inglese), ci permetterà di avere numerosi scambi di informazioni con le altre scuole che partecipano al progetto: in vista della scrittura del manuale, infatti, abbiamo la necessità di scoprire che cosa si cela dietro al lavoro compiuto dalle altre scuole, che sia esso inerente all’abito chimico, elettrico o al design del prodotto.

Insomma, il nostro ruolo all’interno del progetto ci dà il grande vantaggio di poter toccare con mano diversi aspetti della realizzazione del progetto, diventando ancora di più, in quanto studenti, i veri e propri protagonisti di questa nuova e avvincente esperienza.

Non solo questo: la grande opportunità che la partecipazione a questo progetto di dà comprende anche e soprattutto la nostra stessa formazione, sia in ambito scientifico e scolastico che personale e lavorativo.

E la più grande soddisfazione per noi sta proprio in questo: collaborare e mettere a disposizione le nostre personali risorse per creare, insieme, qualcosa di molto più grandioso di ciò che con le nostre sole forze avremmo mai potuto sperare di realizzare.

Per entrare nei dettagli…

– Precisamente, in che cosa consiste il nostro ruolo all’interno del progetto?

La nostra classe si occuperà di redigere il manuale d’uso dell’utente, fornendo così al potenziale acquirente le informazioni ed istruzioni necessarie all’utilizzo del prodotto, oltre che le adeguate avvertenze per la sicurezza dell’utente stesso.

Tale compito ci vede collaborare anche con il Liceo Artistico “F. Depero” di Rovereto, visto che nel manuale d’uso saranno inserite delle illustrazioni esplicative del prodotto. Il nostro sarà inoltre un lavoro di “ricerca”, in quanto ci siamo proposti di osservare dei manuali di altri prodotti di uso comune per delineare quale sia la forma e il metodo migliore per ottenere un manuale semplice, preciso e comprensibile.

Oltre ad un manuale in lingua italiana, il nostro obiettivo comprende pure la redazione di un’ulteriore versione in lingua inglese.

– Una buona squadra non viene scelta a caso. Ecco da dove tutto ha avuto inizio.

Prendere parte a questo progetto è stata un’idea della nostra insegnante di scienze naturali, la professoressa Lorenza Viola, che già lo scorso anno ci ha proposto di partecipare, introducendoci quali sarebbero stati gli obiettivi e le caratteristiche del progetto stesso.

«Quando mi è stato proposto questo progetto, l’ho trovato subito molto interessante per una quarta classe di liceo scientifico» spiega la professoressa. «Dal mio punto di vista, Domosens dà molte opportunità ai miei ragazzi: lavorare con altri gruppi di studenti che frequentano un diverso indirizzo scolastico, con la possibilità quindi di fare nuove amicizie, ampliare le proprie conoscenze, oltre che acquisire competenze ed abilità che il più delle volte in classe non si riesce a fornire loro, come per esempio lavorare in gruppo, rispettare i tempi, condividere idee e proposte, sono sicuramente vantaggi che questo progetto può dare loro.»

In conclusione, aggiunge la professoressa, «Il progetto permette a tutti gli studenti di sentirsi responsabili e protagonisti di un’attività che li vede collaborare insieme per un unico obiettivo finale: la realizzazione del sensore.»

– Un nuovo progetto. Una nuova sfida. Che cosa ci aspettiamo da tutto questo?

A prima vista, quando questo progetto ci è stato presentato, ci ha entusiasmato la proposta di partecipare ad una simile attività, vista anche la possibilità di collaborare con la Fondazione Bruno Kessler, presso la quale alcuni di noi quest’estate hanno svolto un periodo di alternanza scuola-lavoro.

In sé l’idea di interagire con altri istituti del Trentino – per di più di indirizzo di studio differente rispetto al nostro – ci è da subito sembrata brillante, anche perché in tal modo crediamo si possa contribuire, ognuno con le proprie specifiche abilità, alla realizzazione di qualcosa di utile per tutta la comunità, oltre che un valido prodotto da commercializzare sul mercato.

Sebbene inizialmente sembrava che il nostro lavoro si dovesse limitare alla redazione del manuale d’uso – e questo, a dire il vero, ci sembrava limitante e il nostro contributo marginale e quasi privo di valore -, abbiamo poi scoperto come in realtà questo progetto ci possa anche dare la possibilità di approfondire diversi ambiti di studio, come per esempio la chimica relativa al sensore, e di conoscere cose che, altrimenti, molto probabilmente nessuno di noi avrebbe approfondito.

L’occasione di renderci protagonisti in prima fila di un’attività molto articolata e complessa è forse il cardine fondamentale sul quale ruota l’esperienza che vivremo; sappiamo che la realizzazione di un tale progetto non sarà per nulla semplice, ma ciò non ci spaventa: collaborando tutti insieme siamo sicuri che otterremo un ottimo risultato.

Sito Liceo M. Curie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *